CONDIVIDI

Il mangiare e il bere costituiscono una base essenziale per il benessere fisico e psichico. Senza un regolare rifornimento di sostanze nutritive, la salute, il fitness ela vitalità finiscono col cedere. Ogni giorno dobbiamorifornirci di sostanze nutritive apportatrici di energiacome proteine, grassi e carboidrati, e questo riesce soprattutto con un’alimentazione molto varia. Per l’ utilizzo ottimale di queste sostanze, vitamine, minerali e microelementi sono coadiuvanti indispensabili che appartengono anche al programmanutrizionale giornaliero.

Tuttavia molte persone si nutrono in modo sbilanciato,unilaterale, o mangiano solo ciò che a loro piace. Il consumo eccessivo di caffè, alcol e nicotina, insieme allo scarso movimento, sono anche corresponsabili della scarsità di vitamine e minerali nell’organismo.

Perchè le vitamine sono considerate nutrienti regolatori

Le vitamine sono combinazioni organiche essenziali,responsabili per quasi tutti i processi metabolici nell’organismo umano. A1 contrario delle piante e della maggioranza degli animali, r uomo non può produrle da sé, o le produce in misura insufficiente. per questo egli deve coprire giornalmente il suo fabbisogno vitaminico con alimenti ricchi di vitamine. Alcuni alimenti contengono solo il primo stadio della vitamina (provitamina), che però nell’organismo si trasforma ed esplica la propria efficacia.

Ogni vitamina è una specialista e riveste nell’organismo funzioni ben determinate (vedi tabella

Che non possono essere svolte da nessun altra sostanza. Molte vitamine sono componenti di enzimi(coenzimi) chc consentono e al tempo stesso potenzimo in modo ottimale il metabolismo di carboidrati, proteine, grassi e minerali. Oggi si conoscollo 13 vitamine, classificate come idrosolubili (vitamine B1, B2, B12, acido folico, acido pantotenico, niacina, biotina, vitamina C) e liposolubili (vitamina Ae provitamina beta-carotene, vitamine D, E e K).

Minerali solidi componenti dell’organismo

I minerali sono sostanze inorganiche presenti anche in natura. Come le vitamine, sono essenziali per molti processi metabolici, per la struttura de1Forganismo e il mantenimento di diverse funzioni organiche . A seconda della concentrazione nell’organismo e del fabbisogno, prendono il nome di macroelementi (calcio, magnesio, potassio, sodio, cloro, fosforo, zolfo) e microelementi (ferro, iodio, Huoro, zinco, selenio, cobatto, cromo, rame, molibdeno, manganese, nichel, silicio, stagno, litio, vanadio). La regola generale è questa : per i macroelementi il fabbisogno giornaliero è di oltre 100mg (0, 1 g), e per i microelementi è inferiore a 100 mg.

Intagratori in caso di alimentazione sbagliata

Se l’organismo, a causa di abitudini alimentari e di stilidi vita insalubri, non è abbastanza rifornito di sostanze nutritive, gli integratori alimentari possono riequilibrare questa carenza. Essi contengono un’unicavitamina oppure un solo minerale, in una quantità chespesso segue le linee guida dei LARN (Livelli di Assunzione Raccomandati di Energia e Nutrienti Der la popolazione italiana). Tali integratori appartengono per legge alla categoria degli alimenti e possono essere acquistati in drogherie, negozi di prodotti naturali e bioiogici, supermercati e farmacie. Sono facilmente riconoscibili per la dicitura”integratore alimentare” stampata sulia confezione.

Questi preparati non sono adatti soltanto in caso di alimentazione sbagliata, ma anche quando il vostro medico vi ha segnalato una carenza di vitamine o minerali. Anche le persone con un fabbisogno elevato -ad esempio le gestanti, le donne che allattano, gli sportivi, gii anziani, I fumatori, le persone affette da malattie croniche, coloro che consumano regolarmente alcolici o devono prendere determinate medicine- dovrebbero assumere regolarmente questi preparati.In ogni caso, prima di ricorrere autonomamente agli integratori alimentari, informate il vostro medico, soprattutto se soffrite di determinate patologie che richiedono un’assunzione di medicinali prolungata ne ltempo.

 MEDICINA ORTOMOLECOLARE

Il fondamento della medicina ortomolecolare è da unlato la sana alimentazione, e dail’altro l’integrazione alimentare con sostanze vitali.Un obiettivo è quello di salvaguardare la salute e prevenire le malattie. Per ottenere uno stato di salute ottimale è indispensabile rifornire l’organismo con quantità sufficienti di sostanze nutritive naturali, soprattutto vitamine, minerali, microelementi e acidi grassi essenziali.

Questo è il compito della terapia nutrizionale, nella quale si impiegano in primo luogo sostanze che sononaturalmente presenti nel nostro organismo. ll merito dell’utilizzo terapeutico di preparati vitaminici e minerali va attribuito al professore americano Linus Pauling, due volte vincitore del premio Nobel, che per tutta la vita si è occupato del rapporto tra nutrizione e salute. Sull’ esempio della vitamina C, egli ha appurato che I’uomo nel corso della sua evoluzione ha perso la capacità di autoprodurre vitamine. Inoltre ha scoperto che l’uomo ha un bisogno relativamente elevato di vitamine e minerali, appurando che elevate dosi di vitamine sono indicate sia per la prevenzione che per il trattamento delle malattie.

VITAMINE E MINERALI COME FARMACO

Tra gli integratori alimentari che servono a bilanciare un’aiimentazione incompleta vi sono vitamine e minerali che hanno la connotazione di farmaco. Alcunipreparati vitaminici e minerali vengono impiegati come medicinali per guarire, alleviare o prevenire malattie. A tale scopo questi preparati hanno una concentrazione ancora più elevata di vitamine e minerali. Alla concentrazione deve corrispondere al triplice criterio di efficacia, qualità e sicurezza.

I preparati vitaminici dovrebbero essere sottoposti a verifica per dimostrarne Feffettiva efficacia e il contributo positivo delle singoli componenti.

Preparati singoli e a composizione multipla

I preparati vitaminici e minerali sono disponibili in farmacia in forma unica o in combinazione con altre sostanze. A seconda delle vostre necessità individuali e delle vostre preferenze, potete scegliere tra compresse,capsule, compresse effervescenti o da masticare, granulati e confetti. In caso di dubbi fatevi spiegare dalvostro farmacista vantaggi e svantaggi di ogni forma.

I monopreparati contengono un’unica vitamina 0 un unico minerale. L’assunzione di monopreparati è consigliabile quando avete bisogno di una sola sostanza vitale per la guarigione, il trattamento o la prevenzione. Se però per la terapia sono necessarie diverse vitamine e minerali, I preparati a composizionemultipla possono essere la soluzione ideale. Chiedete al vostro medico, o a un esperto di terapia nutrizionale,se per una carenza alimentare o un disturbo sia più adatto un monopreparato o una composizione di piirsostanze.

Dosaggio e tolleranza

Le vitamine e I minerali sono sostanze naturali, perciòun dosaggio elevato è ben tollerabile anche se assumeteI preparati per un periodo prolungato. Partendo dal

presupposto di una buona tollerabilità, in questa guida sono presenti solo le vitamine e I minerali che ben si adattano alTautomedicazione, e sono riportati solo quei campi di applicazione in cui la loro efficacia è stata più volte appurata.

Auenetevi sempre alle dosi indicate nella lista delle patologie (da p. 26). Solo in questo modo è possibile ottenere risultati con l’autotrattamento. Le dosi raccomandate valgono solo per persone che abbiano più di 14 anni, e non per I bambini,

Assorbimento e quota di assorbimento

Un medicinale per uso interno può sviluppare le sue proprietà curative nelForganismo solo se si scioglie neisucchi gastrointestinali. Una sostanza minerale, ad esempio, nella fase di scioglimento si decompone comesale nelle sue particelle più piccole, gli ioni, che vengono condotti nel sangue attraverso le mucose gastrointestinali. Con il sangue vengono poi trasportati all’organo corrispondente all’organo corrispondente, dove possono esplicare la loro efficacia. Il passaggio nel sangue, attraverso Ie pareti gastrointestinaii, di sostanze medicinali, nonché di vitamine e minerali, è chiamata assorbimento.

Perché I’effetto curativo possa manifestarsi, è essenziale che la maggior parte del medicinale, della vitamina o del minerale finisca nel sangue. A questo proposito si parla spesso anche di quota di assorbimento. Una quota di assorbimento del 90% indica che ne] sangue è confluito esattamente il 90% della sostanza attiva. perottenere una concentrazione ottimale nel sangue, è preferibile dividere la dose complessiva in più dosi singole,

Interazioni

Vitamine e minerali di norma vengono ben assorbiti, ma talvolta Tassimilazione nel sangue può essere compromessa. Cereali e legumi contengono acido Gtinico, che insieme allo zinco produce nell’intestino un complesso di difficile assorbimento, cosicché non resta abbastanza zinco da assorbire. Anche I tannini presenti nel tè e I glucosinolati (sostanze vegetali secondarie) contenuti nel cavolo limitano I’assorbimento. Il consumo elevato di grassi e proteine,gli ossalati di rabarbaro, spinaci e barbabietola rossa, fagioli e cacao in polvere pregiudicano Tassimilazione di calcio.

Anche determinati medicinali possono innuire sull’assorbimento di vitamine e minerali, ed essere eventualmente responsabili di un fabbisogno elevato.

L’assunzione di contraccettivi determina un consumo più intenso di vitamina B2, B6 e acido folico. Se fate uso di lassativi, avete bisogno di più vitamine liposolubili del gruppo A, D, E, K, mentre con gli antibiotici cresce l’esigenza di vitamina A, D, B6, B12 e acido folico. Gli antidoloritici producono una carenza delle vitamine B6, C e acido folico, Chi deve a«oumere questi medicinali per un tempo prolungato dovrebbe ricorrere a preparati vitaminici o minerali, dopo averconsultato il proprio medico o terapeuta,

Alcune sostanze vitali interagiscono tra loro, cosi ad esempio potassio e magnesio si completano a vicendaper favorire la funzione di determinate cellule. Similmente le vitamine possono integrarsi coi minerali ; la vitamina C, ad esempio, può migliorare sensibilmente l’ assunzione di ferro nell’intestjno.

I microelementi zinco e rame si contrappongono nell’organismo, e Io stesso vale per calcio e magnesio.Il calcio agisce sul muscolo cardiaco come I’acceleratofenell’automobile, e il magnesio come il freno.

Ciò significa che il magnesio ha una funzione sedativa e riequilibrante nei disturbi cardiaci di origine nervosa.

Occhio all’etichetta

Prima di iniziare un’automedicazione, stabilite anzitutto una dose ragionevole che risponda alle vostre reali necessità. Considerate che vi è una differenza tra il vac BIVHc’vic Lilo risponaa alle Vostrereali necessità. Considerate che vi è una differenza tra il voler colmare una carenza con un integratore alimentare e il desiderio di un effetto terapeutico con un medicinale. Se non siete sicuri, parlatene col vostromedico o fatevi consigliare da un terapeuta esperto di nutrizione.

La dose dipende sempre dal tipo e dalla gravità della carenza e della malattia. La quantità può dunque corrispondere alia razione giornaliera raccomandata, oessere corrispondentemente aumentata. I produttori più affidabili riportano sempre la concentrazione effettiva di una vitamina o di un minerale. Leggete quindi con attenzione i dati riportati sulla confezione.Molte unità sono date in grammi, milligrammi e microgrammi (un milionesimo di grammo). La concentrazione delle vitamine A, D ed E è riportata anche in”Unità Internazionali”(U. I.), un’unità di misura valida in tutto il mondo. Ecco la conversione

Vitamina A-1 mg-3 333 U. I.

Vitamina D-1 mg-40 U. I.

Vitamina E-1 mg-1, 49 U. I.

In caso di dubbi chiedere informazioni al vostro farmacista o auenetevi alle indicazioni date nel foglio illustrativo.

AVVERTENZA !

Se, ad esempio, un preparato a base di zinco contiene come sale 50 mg di zinco aspartato, tate quantità è composta da 10 mg di ioni zinco e da 40 mg di ioni aspartato. Quindi se per una determinata gamma di utilizzo sono necessari 30 mg di ioni zinco, dovete assumere tre compresse di questo preparato.

Scelta e conservazione

I preparati minerali contengono sempre un sale composto da diversi ioni. Per la prevenzione e la terapia è importante conoscere la quantità di ioni minerali contenuta in una compressa (vedi Tesempioriportato sopra). Perciò acquistate sempre i sali riportati più avanti per ogni sintomatologia ; si tratta prevalentemente di sali organici che vengono assorbiti particolarmente bene e dunque sono i più efficaci.

I preparati vitaminici sono reperibili come legami organici, per cui non avete bisogno di rispettare le indicazioni precedenti. Laddove non è indicato diversamente, è preferibile conservare i preparati vitaminici e minerali in un luogo fresco e asciutto, lontano dalla portata dei bambini. Tenete d’occhio la data di scadenza e leggete le ulteriori istruzioni sul foplio illustrativo.

Radicali liberi e antiossidanti

Alcune vitamine e microelementi rivestono un ruolo particolare nella rimozione dei radicali liberi, i quali secondo recenti ricerche sono causa di molte malattie. I radicali liberi sono particelle estremamente reattive e aggressive. Dal punto di vista chimico sono atomi o molecole ai quali manca un elettrone (particelle elementari) nelloro involucro esterno. Normalmente ogni combinazione chimica, per motivi energetici, deve possedere sempre una coppia di elettroni nel suo involucro. Per questo i radicali liberi sottraggono l’elettrone mancante alle altre sostanze che incontrano nell’organismo, e in questo modo si stabilizzano, perdendo il loro carattere”radicale’Ma la sostanza a cui è stato sottratto l’elettrone diventa radicale libero e a sua volta va a caccia di elettroni. Così nell’organismo può svilupparsi una reazione a catena neua quale possono danneggiarsi o distruggersi cellule proprie dell’organismo, pareti cellulari e componenti di cellule. Questa reazione a catena termina solo quando entra in azione un inibitore di radicali liberi o antiossidante. Gli inibitori di radicali liberi o antiossidanti tolgono un elettrone ai radicali liberi, senza diventare a loro volta radicali liberi. Il processo di sottrazione di elettroni si chiama ossidazione.

Ma i radicali liberi non sempre riescono a danne9giare ilnostro organismo. In parte il sistema immunitario è addirittura assuefatto ad essi. Cosi i fagociti (macrofagi, granulociti) utilizzano i radicali liberi per distruggere gliagenti patogeni nelForganismo. Anche durante la produzione di energia nelle cellule si formano continuamente nuovi radicali liberi. Questi diventano

pericolosi nel momento in cui aggrediscono l’organismoin grande quantità e le difese dell’organismo . Le difese deu’organismo Possono essere potenziate dalle vitamine C, E, beta-carotene e dal selenio.

Malattie causate dai radicaìi liberi

I radicali liberi fanno ammalare! Questa osservazione è stata scientificamente dimostrata. Per molte malattie incui svolge un ruolo la produzione di radicali liberi, è stata appurata una carenza dei cosiddetti antiossidanti

(vitamina C, E e beta-carotene) e di selenio. Così, per esempio, nelle malattie reumatiche la concentrazione di vitamina E è al di sotto dei valori normali. Tuttavia, prima che la malattia si manifesti completamente possono passare decenni. In molte persone le malattie tipiche da radicali liberi si manifestano soltanto con la vecchiaia. Quanto prima farete una cura preventiva con vitamine antiossidanti e selenio, tanto meglio sarà per la vostra salute.

N.B : Gli antiossidanti sono sostanze che proteggono dai radicali liberi. sono presenti anche negli alimenti. Ne fanno parte soprattutto le vitamine C ed E, il microelemento del selenio e anche sostanze vegetali secondarie come I flavonoidi e I carotenoidi, presenti in frutta e verdura. Mangiando cinque volte at giorno frutta e verdura, scegliendo magari varietà diverse, vi assicurate un buona copertura.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.