CONDIVIDI
immigrato

Ieri sera, poco dopo le 20, un immigrato ha aggredito e ferito con un coltello un agente di polizia e due militari in Stazione Centrale a Milano.

Le vittime dell’aggressione: attaccava briga con tutti

Secondo le tre vittime dell’aggressione, l’uomo attaccava briga con tutti quelli che passavano. Per questo motivo lo stavano seguendo nella zona antistante il principale scalo ferroviario del capoluogo lombardo con la pattuglia mista.

Quando hanno deciso di fermarlo, hanno raccontato dopo l’aggressione, si sono accorti che teneva una mano nella tasca della felpa, quasi a voler nascondere qualcosa.

L’aggressione da parte di Ismail Tommaso Ben Yousef Hosni, 21enne tra pochi mesi, è scattata dopo la richiesta di documenti. Secondo il racconto del militare e dei due agenti di polizia il giovane, figlio di madre italiana e di padre tunisino, ha estratto un coltello da cucina senza parlare, sferrando un colpo al collo del soldato semplice della pattuglia.

La ferita ha evitato di poco la vena giugiulare. Subito dopo si è voltato e ha colpito al braccio l’agente della Polfer. La lama del coltello si è fermata contro l’omero.

La vittima ha raccontato di essersi salvato grazie a un balzo all’indietro. Il terzo elemento della pattuglia mista è stato ferito di striscio. Hosni è stato infatti immobilizzato poco prima di estrarre dalla tasca un secondo coltello da cucina.

Il tutto è avvenuto davanti alle telecamere di sorveglianza. Il ragazzo è stato trovato senza documenti. Gli agenti, però, non hanno faticato a riconoscerlo. Si tratta infatti di uno spacciatore che bazzica spesso nell’area della Stazione Centrale di Milano.

Quello di ieri non è il suo primo arresto. Il suo nome, inoltre, è noto anche all’antiterrorismo a causa di un recente percorso di radicalizzazione. Ecco perché le indagini, pochi minuti dopo l’arresto, sono passate alla Digos e all’antiterrorismo.

La prima vittima della violenza di Hosni è stata dimessa dall’ospedale poco prima di mezzanotte. Anche gli altri due membri della pattuglia sono fuori pericolo.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO