CONDIVIDI

Ragazzo australiano paralizzato dopo aver mangiato una lumaca

Sam Ballard un ragazzo australiano di 29 anni, mangia una lumaca viva per scherzo; ma questa goliardia è finita nel peggiore dei modi. 

Tutto ha inizio circa dieci anni fa quando Sam appena diciottenne e giovane promessa del Rugby, assieme ai suoi amici decide di mangiarsi una lumaca cruda per gioco. Sembrerebbe soltanto una bravata tra adolescenti, ma per Sam l’epilogo è stato davvero tragico. 

Il ragazzo comincia subito a sentirsi molto male e dunque viene ricoverato in ospedale. I medici lo sottopongono ad alcuni esami e scoprono che all’interno del suo organismo è presente l’Angiostrongylus cantonensis. 

Si tratta di un parassita molto pericoloso perché causa la meningite eosinofila. Le condizioni del giovane sembrano subito alquanto gravi e per lui non sembra esserci molto da fare. 

Sam infatti entra in coma e si risveglia paralizzato dopo 420 giorni. Non riesce più a nutrirsi da solo, e la riabilitazione non funziona. Il ragazzo purtroppo è morto alcuni giorni fa a Sidney; dove negli ultimi giorni della sua vita la madre si è presa cura di lui.

Ad aggravare ulteriormente la situazione di Sam e della sua famiglia, nell’ultimo periodo c’erano stati anche dei problemi economici dovute alle costose cure sanitarie del ragazzo. 

La sua borsa di studio, infatti, era stata abbassata all’improvviso ed è solo grazie ad una colletta che la madre di Sam è riuscita a pagare l’assistenza sanitaria h 24. 

Cos’è L’Angiostrongylus cantonensis

Ma cos’è questo parassita killer che è costato la vita a questo giovane australiano? L’Angiostrongylus cantonensis è un verme grande circa 2 centimetri che vive principalmente nello stomaco dei ratti. 

È dunque molto probabile che le lumache cibandosi proprio delle feci di topo, entrino in contatto con questo parassita. Il ragazzo quindi mangiano la lumaca ha ingerito anche il verme che per lui è stato fatale. 

L’L’Angiostrongylus cantonensis si trova infatti nelle lumache non cotte ma anche in acqua e verdure. ed è diffuso principalmente nell’area del Pacifico, ma il trasporto globalizzato del cibo ne ha  permesso una prolificazione ulteriore. 

Chi viene infettato da questo verme, mostra i classici sintomi della meningite che sono: mal di testa, febbre, nausea e vomito. Ma a provocare danni irreparabili, è l’invasione del parassita nel tessuto cerebrale dell’individuo che spesso può portare alla paralisi totale come è successo a Sam. 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.