CONDIVIDI
neonato

PARTO CESAREO E ALLATTAMENTO ARTIFICIALE.

CIÒ CHE LE MAMME NON SANNO SUI BIFIDOBATTERI.

.

Il #MICROBIOTA stabilisce una convivenza utile e benefica con noi dalla nascita. Il suo “assemblaggio” si verifica durante i primi tre anni di vita, a partire dalla nascita, quando vi è un rapido tasso di colonizzazione dei batteri intestinali verso il dominio di #Firmicutes e #Bacteroidetes.

.

Lo sviluppo della comunità microbica procede di pari passo con la #sinaptogenesi (processo che porta alla formazione delle sinapsi, strutture specializzate in cui avviene il passaggio di informazioni tra due cellule nervose) e lo sviluppo della corteccia cerebrale.

Questo “periodo critico” per lo sviluppo del sistema nervoso centrale inizia durante le prime fasi della vita ma continua fino all’adolescenza.

Pertanto, qualsiasi perturbazioni della colonizzazione intestinale del microbiota in questo periodo influenza lo sviluppo del cervello e della personalità.

.

Queste perturbazioni (oltre quelle #iatrogene e #farmacologiche) sono sopratutto legate a fattori ambientali. Tra questi:

– il trasferimento batterico da madre a figlio (1)

– la modalità di parto (2)

– il tipo di alimentazione (di madre e figlio) (3)

.

(1)

Il trasferimento da madre a figlio dei batteri commensali nell‘utero influenza lo sviluppo del sistema immunitario del neonato

Per esempio, sulla DERMATITE ATOPIcA, somministrare probiotici alla madre PRIMA DEL PARTO modula l’espressione dei geni legati all’immunità, e NE RIDUCE LA FREQUENZA.

La terapia probiotica orale pre e post-natale è un METODO EFFICACE DI INTERVENTO per prevenire patologie come allergie, malattie atopiche e disturbi del neurosviluppo.

Usare antibiotici (a cavolo!) avrebbe invece L’EFFETTO OPPOSTO.

.

(2)

Due sono le modalità di trasmissione materno-infantile durante il parto: ORIZZONTALE – in cui i microbi vengono prelevati dall’ambiente per i bambini nati da taglio cesareo – e VERTICALE – in cui i microbi vaginali vengono trasferiti fisiologicamente durante il parto.

I neonati con taglio cesareo hanno più probabilità di soffrire di diverse malattie: asma, obesità o allergie in età adulta.

.

(3)

Il terzo fattore ambientale forte che influenza lo sviluppo microbico intestinale del neonato e il neurosviluppo è L’ALIMENTAZIONE.

Il latte materno è la fonte di alimentazione ottimale, poiché fornisce tutti i fattori nutrizionali di cui un neonato ha bisogno per uno sviluppo sano.

Diversi studi hanno riportato che l’allattamento al seno ha effetti benefici sullo sviluppo neuropsicologico del bambino.

Il LATTE MATERNO infatti NON E’ STERILE, durante l’allattamento,i batteri della pelle e della ghiandola mammaria della madre vengono trasferiti al bambino.

.

I bambini allattati al seno tendono a contenere una popolazione più uniforme di microbi intestinali dominati da Bifidobacteri e Lactobacilli (con funzioni benefiche per l’ospite, come l’accelerazione della maturazione della risposta immunitaria, limitazione di un’infiammazione eccessiva, il miglioramento della permeabilità intestinale)

I neonati “nutriti con formula” mostrano invece proporzioni elevate di BATTERI CATTIVI (Bacteroides, Clostridium, Streptococcus, Enterobacteria e Veillonella spp.)

.

Meditate mamme, meditate.

Continuerò a scrivere questi articoli.

Quindi segui la pagina, leggi, approfondisci e condividi liberaMente. Perchè la tua salute vale! (come quella di tuo figlio!)

.

#latuasalutevale #dottgabrieleprinzi #informareeguarire #eubiosivitale #microbiotaesalute #psicobiota #psicobiotaesalute #secondocervello #asseIntestinoCervello #microbiotadallanascita

Post del Dr. Gabriele Prinzi

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.