CONDIVIDI

Parole dure del candidato Premier Luigi di Maio, durante il programma televisivo in onda su La7 “Di Martedi”, che sostiene: “se Virginia Raggi sarà condannata, noi non siamo garantisti, interviene il nostro codice etico”.

Dopo la richiesta di rinvio a giudizio per il caso Marra, Di Maio non intende avere nessun occhio di riguardo per il Sindaco di Roma. Secondo il candidato infatti, bisognerebbe sempre attuare un vero e proprio codice etico ed è proprio per questo motivo che la politica in Italia procede in questo modo.

Durante la trasmissione Di Maio incentra poi il discorso, sull’importanza delle forze politiche sulla questione delle regole interne, ricordando che è stato fatto un polverone su vicende già archiviate che riguardano Virginia Raggi, sul caso di Romeo e presunta corruzione.

Di Maio parla chiaro e non lascia molto all’immaginazione, alzando la voce sui fatti: “Stiamo parlando della firma sotto un atto. Noi non siamo garantisti e le nostre regole parlano chiaro. In caso di condanna, il nostro codice sarà seguito alla lettera”.
Questo codice prevede che in caso di condanna non sia possibile mantenere una carica elettiva.

Non c’è via d’uscita a quanto pare per il Sindaco Virginia Raggi, che dalla sua nomina non ha avuto un attimo di pace.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here