CONDIVIDI

Negli Stati Uniti è il trattamento anticellulite non chirurgico più gettonato. Forse perché è così invasivo che mentre agisce, tu puoi sfogliare una rivista, parlare al cellulare o schiacciare un sonnellino.

COME AVVIENE LA SEDUTA:

Sdraiata sul lettino ti vengono applicati due manipoli rettangolari, tenuti insieme da una cintura elastica. Ognuno di questi nasconde quattro sorgenti laser che, a contatto con la pelle, emettono una luce rosso intenso.

Durante la seduta, che non richiede ne anestesia ne l’applicazione di creme o altro, avverti una leggerissima e piacevole sensazione di tepore. Dopo venti minuti, i manipoli vengono rimossi e ha inizio il secondo trattamento: quello in cui devi metterci del tuo. In ogni area trattata, viene liberata una quantità di grasso equivalente a circa 200 calorie.

Al termine della seduta che ha per bersaglio per esempio le cosce, si hanno quindi 400 calorie libere in circolo, pronte per essere smaltite con il minimo sforzo.
In che modo?

Facendo 30 minuti di attività aerobica nelle due ore successive alla seduta: bicicletta, jogging, o anche camminata a passo svelto.

L’importante è sfruttare al massimo la lipolisi, cioè lo scioglimento del grasso intrappolato nella cellulite innescata dal laser, con quel minimo di movimento che completa l’opera dell’I-Lipo.

Meglio ancora se durante le sedute seguirai una dieta ipocalorica e leggermente iperproteica.

CONTROINDICAZIONI:

Niente laser se sei in dolce attesa o se soffri di insufficienza renale o epatica.

Cellulite : combattere, curare e prevenire l’inestetismo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.