CONDIVIDI

Il grattacielo in costruzione a Londra provoca danni

Britain Blistering Building

 

macchina grattacielo

L’ormai famoso Walkie Talkie, un nuovo grattacielo in costruzione a Londra, continua a far discutere. Le lamentele e i problemi legati a questa nuova struttura non sembrano fermarsi, ultimo in ordine di tempo il caso di un proprietario di una Jaguar, l’imprenditore Martin Lindsay.

L’uomo aveva parcheggiato la vettura nei pressi del grattacielo, al suo ritorno ha trovato parti della carrozzeria deformate, la causa, secondo lui, sarebbe da imputare alla violenza della luce riflessa dalla nuova struttura. I responsabili del cantiere hanno riconosciuto i danni causati all’auto e hanno provveduto a risarcire il proprietario. Inoltre, onde evitare altri episodi di questo tipo, hanno chiesto e ottenuto dal Comune di Londra il divieto di parcheggio nella zona vicina al Walkie Talkie.

Ma questo è solo uno dei fastidi legati al grattacielo. Alle lamentele dei passanti per “quella luce accecante”, si aggiungono altri due episodi particolari: il sellino di una bicicletta si è sciolto e il tappetino d’ingresso di un negozio ha rischiato di prendere fuoco. “Stavamo lavorando e abbiamo semplicemente visto del fumo uscire dal tappeto”, ha raccontato il proprietario, Ali Akay.

Il motivo di tali problemi sarebbe da collegare al modo in cui la forma concava dell’edificio riflette la luce e, secondo il parere dei costruttori, il fenomeno si verificherebbe per circa due ore al giorno e dovrebbe continuare per altre due o tre settimane, in quanto “dovuto dall’attuale posizione alta del Sole nel cielo”, hanno spiegato.

La società ha reso noto che sono stati avviati degli accertamenti sulla struttura e sulla sua capacità di riflettere la luce, in attesa dei risultati, saranno erette delle strutture provvisorie di protezione.

Video

[jwplayer player=”1″ mediaid=”33466″]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.