CONDIVIDI

Migliaia di italiani a letto con l’influenza

L’influenza stagionale sta già mietendo le prime vittime, nonostante il picco sia previsto per il mese di dicembre. Al momento infatti sono più 25.000 gli italiani colpiti dal virus. 

Ma questo numero nelle prossime settimane è destinato ad aumentare sensibilmente, così gli esperti ci danno qualche suggerimento su come curarsi al meglio. Per prima cosa l’uso di antibiotici è consigliato soltanto in caso di complicanze. il vaccino invece resta la prima arma di prevenzione.

Massimo Andreoni, Docente di Malattie Infettive all’Università Tor Vergata di Roma ci spiega che in Italia l’attività dei virus influenzali è ancora ai livelli base; dunque siamo all’inizio di questa nuova epidemia stagionale. 

Fino a questo momento i casi certificati di influenza si aggirano intorno ai 125 mila, e nel corso dell’epidemia probabilmente arriveranno intorno ai 3 milioni, più o meno come l’anno scorso. 

Influenza e antibiotici

Con l’arrivo dell’influenza si tende però anche a fare un utilizzo eccessivo degli antibiotici. Andreoni quindi ci tiene a precisare che l’influenza è una malattia virale e di conseguenza gli antibiotici che sono attivi soltanto sui batteri, non hanno alcun potere. 

Dunque essi vanno utilizzati solamente in caso di complicanze. In tutti gli altri casi invece è opportuno utilizzare farmaci antinfiammatori delle prime vie aeree e anche antipiretici. 

L’esperto afferma inoltre che la vaccinazione rimane il principale strumento di prevenzione, ed è indicato per tutte le persone sopra i sei mesi d’età. La protezione si attiva un paio di settimane dopo l’inoculazione, e dura all’incirca per 6/8 mesi. 

Dunque è necessario effettuare una nuova vaccinazione all’inizio di ogni stagione influenzale. È importante poi che le persone a rischio maggiore come gli anziani si vaccinino al più presto. In questo modo rimarranno protetti nelle prossime settimane, quando sarà previsto il picco influenzale. 

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.