CONDIVIDI

Per conoscersi, confrontarsi, spiegarsi, raccontarsi bisogna comunicare, se non lo si fa, o se solo uno dei due parla, c’è qualcosa che non va, nella coppia non c’è affiatamento. Lasciate da parte i luoghi comuni secondo i quali gli uomini parlano meno delle donne, che sono più introversi di noi, “Loro sono fatti così”, nella stragrande maggioranza delle volte queste convinzioni si rivelano delle vere e proprio fregature, e solo dopo anni ci si rende conto che in realtà si è scelta la persona sbagliata.

Se un uomo non parla è perché non vuole rendervi partecipi della sua vita, oppure preferisce risolvere i suoi problemi da solo invece di confidarsi con la sua compagna. A voi andrebbe bene una simile relazione? Quando si sta insieme è bello poter condividere con il partner ansie, paure, problemi, è bello trovare insieme la soluzione, è bello poter contare sul suo appoggio, su una parola in un momento di sconforto, su un suo consiglio. È bello sapere che lui c’è, è al nostro fianco.

Certo può capitare di trovare una persona molto introversa, ma anche chi ha un carattere chiuso, col tempo impara ad aprirsi con la persona amata, magari ci metterà un po’ di più ma lo farà. Se dopo mesi e mesi non dovesse succedere, beh, allora non sarà più questione di carattere introverso, ma di modo di fare. Diffidate dal “Ho sempre fatto così”, in una relazione non porta da nessuna parte, se da single si era abituati a determinati comportamenti non compatibili con una vita di coppia, bisognerebbe cambiarli, ma questo lo fa solamente chi è davvero interessato a far sì che la storia duri nel tempo.

Anche le discussioni rientrano nella comunicazione. Non avete mai litigato? Non è un bene, perché è impossibile andare d’accordo su tutto, è altamente improbabile avere le stesse identiche idee del proprio partner, sempre e comunque, su tutto. In questi casi si è verificato l’annullamento da parte di uno dei due, che, per evitare eventuali scontri (in realtà totalmente normali e costruttivi) si è nascosto dietro mille “Sì, sono d’accordo con te”. Ma quanto può durare questa farsa, questo assoggettamento? Per mesi? Per anni? Sì, ma mai per sempre! Prima o poi la persona in questione scoppierà, improvvisamente inizierà a contraddire il partner su tutto, per ogni minima cosa scoppierà un litigio, sarà irriconoscibile. Un cambiamento radicale che minerà l’equilibrio della coppia.

Tutto questo si sarebbe potuto evitare comunicando fin dall’inizio.

7 COMMENTI

  1. […] La comunicazione, si sa, è un elemento di fondamentale importanza nell’equilibrio del rapporto di coppia. Se i partner non parlano tra loro, non esternano i loro dubbi, non condividono problemi e preoccupazioni, la relazione mancherà di una componente importante e sarà destinata al fallimento. Il confronto può rivelarsi un motivo di crescita, evitarlo per paura di litigare non farà altro che alimentare il disagio interiore, finendo poi per esplodere come una pentola a pressione. Si deve imparare a discutere con calma, senza eccessi, cercando insieme la soluzione al problema. […]

  2. […] che spesso spinge a iniziare una terapia di coppia è l’incapacità di dialogo tra i partner. La comunicazione riveste infatti un’importanza fondamentale all’interno di una relazione. Non può essere superficiale perché essa è legata alla stessa vita di coppia: senza […]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.