CONDIVIDI

Rischio di demenza per chi soffre di solitudine

La solitudine aumenta il rischio di sviluppare la demenza come ad esempio il morbo di Alzheimer del 40%. A dimostrarlo è stato un team di scienziati dell’università Statale della Florida, che ha condotto una ricerca sull’argomento. 

Gli studiosi hanno analizzato statisticamente i dati di oltre 21 mila persone coinvolte in questa ricerca. I partecipanti, tutti con più di 50 anni d’età, sono stati seguiti per un periodo di circa 10 anni.

Durante questi anni gli scienziati hanno valutato non solo la solitudine e l’isolamento sociale, ma anche le abilità cognitive delle persone. Queste ultime sono state studiate e valutate grazie a dei questionari specifici, somministrati mediante interviste telefoniche ogni 2 anni.

I punteggi poi sono stati ottenuti attraverso uno strumento diagnostico chiamato Telephone Interview for Cognitive Status; dove un valore pari o inferiore a 6 era indicativo di demenza. 

Al termine di questa ricerca, ad oltre 1,100 partecipanti viene diagnosticata la condizione di demenza. Incrociando poi tutti i dati è risultata evidente la stretta correlazione che c’è tra la solitudine e questa patologia.

La ricerca ha poi sottolineato come nell’arco di 10 anni, l’aumento del rischio di demenza è risultato superiore al 40% nelle persone che si sentivano sole. Ma attenzione però perché la solitudine è una condizione ben diversa dall’isolamento sociale.

La solitudine, infatti, può avere un impatto sia fisico che emotivo sopratutto sulle persone anziane già a rischio di Alzheimer. È molto probabile che la solitudine influenzi il cervello agendo  in modo tale che le persone più invecchiano e più diventano sensibili al declino neurologico legato all’età.

differenza tra solitudine e isolamento sociale

In un primo momento si pensava che il rischio di sviluppare demenza negli anziani fosse correlato all‘isolamento sociale e non alla percezione dell’isolamento o alla solitudine. 

L’isolamento sociale, infatti indica la connessione che c’è tra l’individuo ed un’ambiente sociale. Esso può essere valutato misurando la quantità e la qualità dei contatti e dei rapporti sociali che ha una determinata persona.

La solitudine invece è decisamente un fattore variabile e più soggettivo. Essa può essere quantificata valutando semplicemente quanto una persona si sente sola, vuota o abbandonata. 

La sostanziale differenza tra queste due condizioni, sta nel fatto che l’isolamento sociale può essere presente senza però provare necessariamente un sentimento di solitudine. D’altro canto si può benissimo provare la solitudine anche se si hanno parecchi contatti sociali. 

Entrambe queste condizioni tendono a crescere col progredire dell’età. Infatti più si va avanti negli anni più la rete di rapporti familiari ed amicali va stringendosi per cause come la morte, le malattie o la perdita della mobilità. 

 

 

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.