CONDIVIDI

Cos’è la dieta chetogenica

La dieta chetogenica conosciuta anche come keto diet, una dieta iperproteica a bassissimo contenuto di carboidrati.

Questa particolare dieta si basa principalmente sul meccanismo della chetosi.

 Non assumendo abbastanza carboidrati, il nostro corpo è infatti costretto a utilizzare le riserve di grasso per per ottenere l’energia necessaria al corretto funzionamento dell’organismo. 

Il processo di chetosi si attiva quando le cellule, non avendo abbastanza glucosio fornito appunto dai carboidrati, cominciano a bruciare grasso corporeo

Dieta chetogenica: risultati e controindicazioni

Seguendo con costanza e determinazione una dieta di questo tipo è possibile perdere fino a 4 chili alla settimana senza perdere la massa muscolare o quella magra; l’assunzione di proteine agevola la formazione muscolare e la tonicità.

È doveroso, però, sottolineare che la dieta può essere seguita soltanto per un breve periodo di tempo (10-20 giorni al massimo). La chetosi, infatti, è un processo che a lungo andare può avere dei seri effetti collaterali

Il fegato e i reni, ad esempio, lavorano il doppio per riuscire ad eliminare l’azoto in carenza di glucosio, intossicando l’intero organismo. 

La dieta chitogenica, se proseguita troppo a lungo, può anche causare disturbi come nausea, vomito, alitosi, vertigini, stitichezza e carenze vitaminiche. 

Per questa ragione, chi si avvicina a questo tipo di alimentazione, deve farlo anche sotto lo stretto controllo di uno specialista. 

Gli alimenti concessi e quelli proibiti

Il menù della keto diet prevede come alimenti principali tutti i cibi molto proteici.

 Sono concessi quindi : prosciutto, speck, bresaola, salmone, formaggio magro, fiocchi di latte, uova, bistecca, cacciagione, carne affumicata, hamburger, salsiccia, agnello e pollo.

Per quanto riguarda i condimenti, invece, via libera all‘olio extravergine di oliva, pane di segale, pistacchi noci e mandorle. 

Ovviamente, affinché la dieta dia i frutti sperati, è necessario eliminare tutti i carboidrati. No categorico quindi a pane, pasta, , bibite, zucchero, gelato, pizza, latte e persino la maggior parte della frutta. 

Sono concessi soltanto i carboidrati presenti nella verdura. Potrete quindi mangiare vegetali come  asparagi, sedano, funghi e broccoli. Questi vegetali, presentano una quantità minima di carboidrati.

Attenzione però agli ortaggi che contengono molti carboidrati: carote, piselli, patate e cereali devono essere consumati con moderazione. Così come anche come uva, albicocche, banane, pesche e olive. Prediligete invece cocomeri, fragole, meloni e avocado.

Anche le bevande ad alto contenuto di carboidrati, come la birra non sono raccomandate per la vostra dieta chetogenica. L’alto contenuto di zucchero in tali bevande andrà infatti a sostituire i grassi come elementi nutritivi principali produttori di energia, aumentando il rischio di accumulare grasso corporeo.

Anche i prodotti alimentari come quelli in scatola presentano un alto contenuto di carboidrati e potrebbero compromettere i risultati della vostra dieta. 

Frutti di mare come vongole, granchi, aragoste, capesante e calamari sono alimenti a basso contenuto di grassi saturi, tuttavia presentano una gran quantità di acidi grassi essenziali per l’organismo.

Esempio di menu nella kito diet

Colazione: 

15 g olio di cocco,
3 uova
verdure surgelate.
Strapazzate il tutto in un tegame.

Pranzo: 

frullato di latte di cocco con mezzo cucchiaio di proteine in polvere, mandorle e mirtilli.

Spuntino:

mandorle, una manciata o due.

Cena:

carne macinata con verdure di contorno.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.