CONDIVIDI

Cosa avviene durante il travaglio?

Se siete in gravidanza e state per partorire in maniera naturale, questo articolo fa al caso vostro. Avete paura del travaglio? Rilassatevi perchè quello che proverete durante questa fase che darà alla luce il vostro bimbo è unica e va vissuta nel migliore dei modi. Quando si pensa al travaglio si pensa automaticamente al dolore. Non è sbagliato ma non è neppure giusto. Il dolore fa parte di questa fase ma ad accompagnarlo vi saranno una serie di sensazioni date da diversi ormoni.

Il dolore segnala alla donna che qualcosa di straordinario sta succedendo e la induce a cercare per sé ed il bambino un ambiente sicuro, caldo e protetto. Il crescendo della sensazione segna anche l’ andamento e le fasi del percorso.

Segna la trasformazione dell‘utero da organo contenitore a organo espulsore e conduce la donna a ricercare modalità, movimenti e posizioni per contenere ed alleggerire  le sensazioni ed allo stesso tempo facilitano l’adattamento, il posizionamento, la discesa, la rotazione e la nascita del bimbo.

Segna, quindi, la fine di un’epoca irripetibile (la simbiosi passiva di ma inma e bambino). È dunque separazione e accompagnamento, dell’uno che diventa due.

Attraverso un’esperienza intensa di attesa, dedizione, pazienza, fatica e sforzo (quasi al limite) si prepara l’immensa gratificazlone e il contenimentoo di base pe l’accoglienza e Ia simbiosi attiva, volontaria con i proprio bambini.

Posizione del bambino durante il travaglio

Il bambino già dalle ultime settimane e, soprattutto, dall’inizio inizia ad assumere una posizione all’ interno del canale del parto. Inizialmente si verifica l’accentuazione della flessione della testa che porta il mento in  contatto con lo sterno e successivamente si orienterà in una specifica posizione all’interno del bacino. La posizione non è sempre uguale, nel 60% dei casi si tratterà della posizione anteriore sinistra, nel 30% anteriore destra  e nella restante percentuale dei casi del 10% nelle posizioni posteriori (destra e sinistra). La posizione è data dal rapporto della fontanella posteriore (a livello dell’occipite) con il bacino. Dove ci sarà l’occipite ci sarà il dorso del bambino.

La variabilità della posizione dipende dalla deambulazione della mamma e dalla conformazione del bacin . Per quanto concerne il travaglio , solo  nelle posizioni posteriori si avrà un prolungamento dell’ultima fase, in quanto il bambino deve ruotare maggiormente ripetto alle posizioni anteriori.

Ossitocina come funziona e come agisce

L’ossitocina è l’ormone ”dell’amore” coinvolto in tutte Ie fasi della riproduzione.

* Ovulazione e mestruazione

· Interazione sessuale ed orgasmo

* Gravidanza

· Travaglio e parto

· Allattamento

Caratteristiche Ormone endogeno, autoprodotto

> Attiva comportamento affettivo e bonding

> Attiva il travaglio e l’impulso alla spinta nel periodo espulsivo

> Stimola contrazioni uterine

> Riduce rischio di emorragia post partum e aiuta I’involuzione dell’utero

> Riduce ansia e promuove senso di calma

> Riduce sensazione del dolore

> Può essere disturbato, condizionato

> Responsabile della fuoriuscita del latte ed aumenta la durata dell’allattamento

Attivato da:

1 viene attivata prima dal bambino e poi dalla mamma

2 stimolazione e pressione di alcune aree del corpo (capezzol), Uterc vagina, organi genitali, clitoride, pavimento pelvico)

3 contatto pelle a pelle

4 vicinanza e contatto occhi

Ridotto da 

Scomodità, imbarazzo, giudizio, ansia, paura , adrenalina, somministrazione di ossitocina sintetica, farmaci oppiacei, epidurale, episiotomia,separazione madre-figlio

Endorfina cosa fa e come si produce

· Oppiacei naturali

· ormoni anti-stress

· Aumentano gradualmente (dalla 12a settimana di grlavidanza)· Presenti nel fluido amniotico

· Aumentano in travaglio

* Riduzione dopo alcuni giorni dal parto

Caratteristiche benessere, sentirsi bene

> Modera dolore

> Attiva una sensazione di soddisfazione e gratificazione

Favorisce l’attaccamento madre-bambino

Stress delle contrazioni del travaglio

Stimoli sensoriali piacevoli, massaggio Anestetici, dnalgesici

> Modera lo stress

> Altera percezione del tempo e dello spazio

> Aiuta la consapevolezza e Ia protezione del corpo

> Riduce le inibizioni

a. Aiuta la concentrazione interna, stato di trance

b. Produce lkuforia del dopo nascita

Adrenalina come agisce e come si produce

· Meccanismo di soprawivenza

· Reazione istintiva involontaria al pericolo, paura, disturbo

· Per la conservazione della persona, dona più forza

Caratteristiche reazione“attacco fuga”

> Aumenta battito cardiaco

> Sudore freddo

> Bocca secca

> Agitazione o congelamento

> Pupille dilatate

> Flusso sanguigno ai muscoli degli art

In travaglio, alti livelli di adrenalina : Riducono obssitocina > travaglio rallenta

Riducono le endorfine > più dolore

Alterano I’attività uterina > lenta di[atazione o blocco

Riducono il flusso sanguigno a[T utero e al bambino

timolata da Ridotte da percezione o reale pericolo/disturbo

> creare un ambiente clima paura, ansia, stress, rabbia emozionalmente sicuro e protetto

azioni, suoni che causano > riduzione degli stimbli sensoriali (lucinsia e paura rumori, tono della vlJce)

> acqua calda

> stare con poche persone conosciute,

ambiente poco intimo con troppe persone

Dolore innaturale/patologico

rocedure invasive

Sensazione del dolore

Il dolore è un fenomeno complesso, variabile e soggetrivo. E’ anche fisico ed affettivo. Ha decisamente un ruolo importante durante il travaglio perchè rappresenta il motore , una guida che segnaa un buon funzionamento del corpo.

Perchè avviene il dolore?

Le cause sono fisiche: contrazioni muscolari dell’utero che comprimono i vasi sanguigni e riducono il flusso. Avviene inoltre la pressione e lo stiramento della cervice, del segmento interiore dell’utero e dei legamenti.

Il dolore può essere graduale ed intermittente , con contrazioni e pause. Sicuramente aumenta con la dilatazione della cervice . C’è una sesazione diversa in fase di espulsione .

N.B il dolore tra le contrazioni indica un possibile problema. Il dolore può essere condizionato da atteggiamenti, credenze e convinzioni, stato emotivo ed affettivo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.