CONDIVIDI

Il ruolo in una famiglia allargata

Gli esordi di una relazione sono i più delicati, ancor di più se ci sono di mezzo i figli. Iniziare una storia con una persona che ha già figli nati da un precedente rapporto significa dover fare i conti con meccanismi e situazioni di non facile gestione, tanto che in alcuni casi ci si può tirare indietro. Non è mancanza di coraggio o di interesse nei confronti del partner, ma si tratta di una condizione talmente delicata che uno ha tutto il diritto di non sentirsi pronto o in grado di affrontarla.

D’altronde, quando si entra in un simile realtà familiare, si comincia automaticamente un percorso che porta l’individuo a un adattamento fisico, emotivo e psicologico. È necessario capire il proprio ruolo, i ritmi di vita, il modo di relazionarsi con personalità già formare.

I primi tempi sono i più duri. Il rischio maggiore è quello di far saltare involontariamente gli equilibri familiari ed essere trattato (e sentirsi) come un estraneo. Si ha paura di eccedere o di tenersi troppo in disparte, sentirsi, per il partner, in secondo piano rispetto ai figli e anche rispetto all’ex coniuge.

Il rapporto che si vuole costruire non ha niente a che fare con tutti gli altri tipi di rapporto: non è quello del padre o della madre, né dell’amico/a. Pertanto non è semplice delinearlo. Nonostante le difficoltà, è possibile creare rapporti profondi, a patto che nella coppia ci sia sintonia e non si tenti di prendere il posto del genitore naturale. Non c’è nessun posto da occupare, ognuno ha il suo.

Bisogna avere pazienza. Per costruire rapporti veri e solidi ci vuole del tempo, in questo caso più che mai.

Famiglia allargata: come comportarsi

Vista la complessità della situazione, è bene tenere a mente alcuni aspetti.

Essere empatici: cercare di mettersi nei panni del figlio per provare a capire cosa sta provando e quali sono le sue esigenze.

Non stare sulla difensiva: se il bambino provoca, non bisogna innervosirsi. Il suo atteggiamento diffidente può essere una reazione alla paura di rifiuti e abbandoni. Per questo motivo è inutile irrigidirsi sulla propria posizione, impuntandosi su chi ha ragione e chi no. Meglio essere elastici.

Nessun giudizio: nei primi periodi è bene non criticare quello che fa il bambino. Nel lungo periodo, invece, bisogna imparare ad accettarlo così com’è, anche se non è il figlio che vorremmo, astenendosi dal fare paragoni.

Essere disposti al cambiamento: sarà inevitabile modificare alcuni spetti di sé per inserirsi nella realtà familiare. Prendetene atto e andate avanti.

Non assumersi responsabilità che non competono: non siete voi il genitore naturale, non dovete prendere il suo posto. Evitate di mettervi troppe pressioni addosso.

Famiglia allargata

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here