CONDIVIDI

Ela Weber: dalla Baviera all’Italia

Ela è l’abbreviazione di Manuela Hannelo Weber. La showgirl è nata il 13 marzo 1966 Dettelbach in Baviera, ed è diventata famosa qui in Italia grazie alle sue forme generose e al suo simpatico italiano dal forte accento tedesco.

Grazie alla sua prorompente bellezza, Ela all’età di 15 anni inizia subito a lavorare come modella. Contemporaneamente alla carriera sulle passerelle, Ela porta avanti anche quella scolastica e si diploma presso un liceo ad indirizzo economico del suo paese. 

A diciotto anni parte poi per New York, dove continua a fare la modella. Arriva in Italia nel 1988, dove la televisione sempre alla ricerca di donne belle e statuarie, l’accoglie a braccia aperte. 

Aiutata anche da un’innata spigliatezza e da un carattere estroverso, Ela programma dopo programma riesce a conquistare l’affetto del pubblico che la segue.

Inizialmente la bionda procace arriva nel nostro paese in qualità di modella, ma poco tempo dopo riesce a fare il salto di qualità. Viene infatti lanciata da una sfilata, che però si svolge davanti alle telecamere. 

La carriera televisiva

Arriva così la sua prima trasmissione: “Telecamere a richiesta”, un programma in onda su Canale Cinque ispirato alla vecchia Candid Camera. Ela in quel frangente fece talmente una buona impressione che cominciarono a fioccare proposte lavorative in televisione. 

Trasferitasi a Roma, Ela Weber viene poi notata da Stefano Jurgens, allora autore del programma “Tira e Molla”; che dopo un provino la sceglie come assistente di Paolo Bonolis. 

Questa nuova coppia televisiva risulta vincente, e i due assieme fanno faville. Si spalleggiano, si prendono in giro e comunicano al pubblico un gran senso di complicità. Il soprannome Sellerona si deve tra l’altro proprio a Bonolis. 

Grazie a Tira e Molla, la Weber da prova di tutto il suo talento: sa stare allo scherzo, e sopratutto fa leva sulla sua innata autoironia per piacere al pubblico. 

I telespettatori si rendono così conto che malgrado il suo aspetto severo e intimidente, Ela è in realtà una donna dall’immagine tipicamente familiare. Il risultato della coppia Bonolis-Weber da al programma Tira e Molla uno strepitoso successo, tanto da farlo andare in onda per 2 anni di fila. 

Dopo quest’esperienza, la carriera di Ela Weber è in continua ascesa. Nel 1998 infatti conduce sul satellite Sat Sammer Show un rotocalco dedicato alla musica, ai viaggi e alle vacanze. Il programma viene trasmesso poi anche in Italia.

Nello stesso anno diventa il volto televisivo femminile di Tmc, dove conduce la trasmissione sportiva dal titolo “Goleada”. Sempre nel 1998 la vediamo poi in veste di maestra di tedesco all’interno del programma “Il tappeto volante”, e durante l’estate dello stesso anno conduce assieme a Gigi Sabani il programma “Sette per uno”. 

Ela Weber attrice

Oltre al ruolo di showgirl e conduttrice, Ela ha recitato anche in alcune commedie cinematografiche di successo. Nel 1996 ne gira due: “A Spasso nel tempo”, dei fratelli Vanzina e “Uomini senza Donne”; dove recita assieme ad Alessandro Gassman e Ricky Tognazzi. Nel 1999 ha anche interpretato il ruolo di se stessa nel film di Neri Parenti “Paparazzi”. 

Carriera negli anni 2000

Alla fine del 2000, Ela conduce assieme a Massimo Giletti la “serata premiazione calcio”. Negli anni 2000 sono davvero molte le trasmissioni a cui la procace tedesca partecipa. 

Conduce ad esempio Crasy Camera su TMC, e nel 2001 partecipa anche come guest star alla commedia “Se lo fai sono guai” di Tarantini. Durante la stagione televisiva 2001/2002 ha poi condotto Domenica In assieme a Carlo ContiMara Venier e Antonella Clerici.”

Nel 2004 Ela diventa una dei concorrenti della prima edizione del reality “La Fattoria”; mentre nel 2008 partecipa all’Isola dei Famosi in qualità di riserva di Flavia Vento. Nel 2018 è al suo terzo reality: partecipa infatti alla terza edizione del Grande Fratello Vip. 

 

 

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.