CONDIVIDI

Per chi non lo sapesse, esiste una dieta antinfiammatoria che, secondo gli esperti, impatta tantissimo sulla salute riducendo il rischio di morte.

Per una dieta antiinfiammatoria si consigliano giornalmente aumenti di porzioni di frutta e verdura, tè, caffè, pane integrale, cereali per la colazione, formaggio magro, olio d’oliva e olio di colza, noci, cioccolato , vino rosso e birra. I cibi sconsigliati ,perchè alimentano le infiammazioni , sono invece carne rossa non lavorata e trasformata, patatine e bevande analcoliche e zuccherate.

Lo studio, pubblicato sul Journal of Internal Medicine è stato realizzato dall’Università di scienze della vita di Varsavia, dal Karolinska Institutet, dal Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle e dall’Università di Uppsala, ci spiega cosa avviene al nostro corpo.

Sono stati infatti coinvolti 68.273 uomini e donne svedesi tra 45 e 83 anni, chi ha seguito questa dieta ha avuto un rischio inferiore del 18% di mortalità per tutte le cause, un rischio inferiore del 20% di mortalità per malattie cardiovascolari e un rischio ridotto del 13% di mortalità per cancro.

Dieta antinfimmatoria seguita dai fumatori: hanno avuto benefici ancora maggiori rispetto ai fumatori che non la seguivano.

Psoriasi e Tiroidite autoimmune

La dieta antinfiammatoria è assolutamente consigliata in caso di Psoriasi e tiroidite autoimmune dove il processo d’infiammazione è presente in maniera più o meno costante. Mangiare eliminando i cibi che alimentano questo stato è sicuramente deleterio per il nostro organismo mentre una dieta basata su cibi che bloccano l’infiammazione risolvono gran parte dei nostri problemi. E’ anche dimostrato che chi soffre di psoriasi , seguendo una determinata alimentazione e aiutandosi con l‘estratto di ortica, riduce sensibilmente l’eruzione cutanea.

Gastrite

A volte, però,  può trasformarsi in ulcera gastrica ed aumentare il rischio di tumore allo stomaco.Il disturbo può apparire all’improvviso  ed trasformarsi in gastrite acuta se si protrae nel tempo per poi divenire cronica.I sintomi della gastrite acuta sono la nausea e il bruciore di stomaco mentre con la gastrite cronica si ha la sensazione di avere stomaco pieno anche a digiuno.La cura dipende molto dal fattore scatenante ma è importante mantenere l’apparato digerente in buone condizioni, seguendo una dieta corretta e mantenendo il peso forma con esercizio fisico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.