CONDIVIDI

Digerisce bene il latte?

L’apparato digerente del neonato è capace di digerire con facilità tutto il latte materno che gli aggrada. Lo stesso si può dire anche per quello artificiale. La crescita, nel primoperiodo assai veloce, del neonatodipende dalla quantità e dalla sequenza della sua alimentazione. Ciò comporta che il suo apparato digerente si trovi continuamente in attività assunzione del latte, sua digestione, ed espulsione delle scorie, quasi in corrispondenza di ogni poppata.

Correlati alla digestione, si vetifìcano tre piccoli fenomeni, quasi sempre del tutto normali e innocui, ma che a volte preoccupano i neo-genitori. Eccoli : il ruttimo, il rigurgjoo, il singhiozzo.

II ruttino

Si tratta di una semplice espulsione di aria accumulata nella parte alta dello stomaco, che viene facilitata tenendo in braccio il bambino in posizione verticale. Può verificarsi tanto isolato quanto in una serie ravvicinata e può anche piuttosto rumoroso. Essere dato il senso di pienezza che provoca nel neonato P accumulo di aria nello stomaco, dopo il ruttino questo si sentirà bene e potrà continuare ilpasto, oppure addormentarsi. Finqui tutto regolare. A volte però r aria ingerita in abbondanza durante la poppata non trova confacilità una via d’uscita attraversor esofago o intestino. Ciò puo’ dipendere dalla sovrabbondanza di aria accumulata, ma soprattutto dalla posizione sfavorevole del neonato. Si può verificare cosiuna tensione dolente delle pareti intestinali, una colica gassosa come accade agli adulti, che può angustiare il neonato anche per diverse ore e che si risolve dopo l’espulsione del gas dal intestino.

Il rigurgito

Piccoli residui di latte  stazionato nell’ anello dello stomaco de neonato.

Può capitare, quindi, che vengano rigugitati, spesso in concomitanza col ruttino, anche lontano dail’assunzione del latte. Piccoli residui e i conseguenti piccoli rigurgiti sono normalissimi.

Soltanto se sono riguargiti frequenti e abbondanti, oppure ngurgitimolto frequenti e di grosse quantità di latte, si rende necessario il rapido intervento del pediatra.

 Singhiozzo

Consiste in una ripetuta e involontaria contrazione del diaframma,che ostacola momentaneamente la respirazione e fa emettere un caratteristico inoltre, si a ccompagna con sobbalzi ritmici del corpo. Come per l’adulto,  anche per il neonato si tratta di un fatto di nessuna importanza, appena un po’ morboso. Se ne va dopo un po’ per conto proprio.

Se indugia, si può intervenire somministrando una o due gocce di limone.

Le coliche gassose

Si tratta di tensioni dolenti delle pareti intestinali che vengono oti-ginate, come si diceva, da unasovrabbondanza di atia ingetita eaccumulata durante la poppata,che non riesce a trovate con facilità, a causa della posizione corporea sfavotevole, la sua naturale via

d’uscita dail’esofago o dail’intestino. Vengono ora elencati di seguito i sintomi esterni più caratteristici, alcuni accotgimenti lenitivi econsigli curativi, più indicazioni di possibili cause che non dipendono dal paziente.

Sintomi esterni

a) pallore e sudore del viso

b) intensa crisi di pianto

c) pancino gonfio e in tensione

d) ginocchia piegate a protezione dell’addome,

Come dare sollievo momentaneo:

a) cullando il neonato

b) dandogli il succhioao

c) aaaccandolo a1 seno

d) ponendogli una mano su sederino.

Come risolvere il disturbo nnaturalmente mantenendo il neonato seduto in braccio col busto in posizione verticale durante l’allattamento al seno

b) evitandogli le poppate in posizione orizzontale perché l’ aria ingerita nello stomaco passerebbesubito nell’intestino abhuando subito il neonato a dormire bocconi, owero a pancia Sotto

d) aiutandolo ad evacuare di più di frequente. se prende il latte artificiale, con l’aggiunta sistematica di un cucchiaio di maito inpolvere nel biberon.

Quando rivolgersi al pediatra:

Se l’ mpiego dei rimedi naturali sopra descritti non da sollievo o beneficio, bisogna ricorrere alle cure mediche fiche.

E se dipende dalla mamma?

Se la madre che allatta al seno beve latte vaccino, dovrebbe sospenderne l’assunzione per qualche giorno per vedere se le coliche del neonato diminuiscono. In caso si registrino dei miglioramenti, sarebbe saggio eliminare il latte vaccino dalla dieta della mamma

Quando si manifestano le coliche gassose

a) possono iniziare fin dalle prime settimane

b) si manifestano più spesso la notte , durano alcune ore, ma a volte anche giorni e seuimane

d) in genere scompaiono verso i 3 mesi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.