CONDIVIDI

Ritenzione idrica cause

La ritenzione idrica è un disturbo che accomuna molte donne. Le cause della sua comparsa sono diverse: tra di esse possono essere annoverate anche le cisti ovariche? Secondo quanto spiegano gli esperti, le ragioni della manifestazione della ritenzione idrica sono da ricercare altrove.

È possibile fare una distinzione tra quattro varianti di tale disturbo: alimentare, causata dall’abuso di sale, dal consumo di alimenti eccessivamente sapidi o dall’intolleranza al lattosio; circolatoria: dovuta a un cattivo funzionamento del sistema venoso e linfatico; da farmaci: legata a un uso eccessivo di farmaci come antiinfiammatori, cortisonici, terapia ormonale sostitutiva e contraccettivi; secondaria: dovuta a patologie gravi come insufficienza renale e cardiaca, malattie alla vescica o al fegato, ipertensione arteriosa.

Come si presenta? Si manifesta con un gonfiore anomalo in certe zone del corpo, soprattutto addome, cosce, glutei e caviglie, causato dall’accumulo di liquidi negli spazi tra cellula e cellula.

La cura cambia ovviamente a seconda della tipologia di ritenzione. Innanzitutto, è necessario indagare l’eventuale presenza di patologie gravi che hanno bisogno di cure specifiche.

In generale, contro la ritenzione idrica può essere utile praticare una regolare attività fisica (passeggiate, nuoto, bicicletta), seguire un’alimentazione sana e ipocalorica, non fumare, non bere alcolici. Ma l’alleato principale è l’acqua: è necessario berne almeno un litro e mezzo al giorno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.