CONDIVIDI

Alimentazione e fertilità maschile

Tutti sappiamo che per preservare la nostra salute è necessario curare l’alimentazione, ma in pochi sanno che ciò che mangiamo fa sentire i suoi effetti anche sulla fertilità.

Negli ultimi anni sono stati condotti diversi studi in merito, sia nel settore maschile che in quello femminile, ed è stato accertato l’importante ruolo che la dieta ricopre nel concepimento.

Fertilità maschile: lo studio

Uno studio pubblicato su Fertility & Sterility ha indagato il rapporto tra alimentazione e fertilità maschile, individuando i cibi che più di altri sono in grado di compromettere gli esiti riproduttivi.

I ricercatori, guidati dal dottor Wei Xia, della Harvard T.H. Chan School of Public Health di Boston, hanno monitorato 141 uomini appartenenti a coppie che si sono sottoposte a un trattamento di fecondazione in vitro. I partecipanti hanno fornito informazioni sulla loro dieta, come la quantità e il tipo di carne consumata.

I risultati ottenuti hanno evidenziato un tasso di fecondazione del 13% più elevato tra gli uomini che mangiavano più carne di pollo, rispetto a chi ne mangiava meno, e del 28% più alto tra coloro che mangiavano una minore quantità di carni lavorate.

Ovviamente, per avere un quadro più chiaro, bisognerebbe analizzare i risultati all’interno dell’intera dieta, in modo da capire, nel complesso, quale sia il regime alimentare più corretto. A ciò si aggiungono altri possibili nemici della fertilità maschile da prendere in considerazione, come il fumo e l’alcol.

Detto questo, alla luce di quanto scoperto, gli esperti consigliano ai maschietti di limitare il consumo di carne rossa e carni lavorate, come salsiccia, salami, pancetta e carne in scatola.

fertilità uomo

CARNE ROSSA FA MALE? COLPA DELLA CARNITINA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.