CONDIVIDI
boss mafioso

Un boss mafioso di 33 anni, latitante dal 2011, è stato arrestato ad Amsterdam.

L’arresto è avvenuto il 7 settembre, ma la notizia è stata resa nota ai media solo stamattina per motivi investigativi.

L’accusa è di associazione per delinquere finalizzata al traffico di droga

Il nome del boss mafioso finito in manette ad Amsterdam dopo cinque anni di latitanza è Gioacchino Bonarrigo.

Sull’uomo, esponente della criminalità organizzata del reggino e della cosca Bellocco in particolare, pende un’accusa di associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di droga.

Gli interessi della cosca, operante nel reggino, si estendono infatti anche fuori dai confini nazionali.

Il boss, ricercato dal 2011 in seguito a un’evasione dai domiciliari, dovrà ora scontare anche 2 anni e 19 giorni di carcere per reati relativi alla ricettazione di armi. 

Molto importante per la cattura di questo latitante, per il quale è stato emanato un mandato d’arresto nell’aprile 2016, si è rivelata la collaborazione tra la polizia olandese e i carabinieri di Reggio Calabria, avviata in seguito a un input di questi ultimi. 

In seguito a questo lavoro di squadra, è emerso che l’uomo, utilizzando falsi documenti, era solito muoversi indisturbato tra i Paesi dell’UE, passando anche diverso tempo in Olanda.

La mattina del 6 settembre è stata individuata ad Amsterdam la zona in cui Bonarrigo alloggiava.

L’area è stata tenuta sotto stretta osservazione fino al giorno seguente. Questo ha permesso di bloccare il giovane latitante mentre camminava tranquillo per strada.

A questa operazione, che nelle ore di stamattina è oggetto di forte attenzione da parte dei media di tutta Italia, hanno partecipato i carabinieri del reparto operativo provinciale di Reggio Calabria e quelli del reparto, di recentissima costituzione, di Gioia Tauro. 

Il loro lavoro di squadra si è rivelato decisivo sia per la cattura del latitante, sia per il suo successivo e necessario riconoscimento.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.