CONDIVIDI

Continua ininterrottamente la ricerca di Younes Abouyaaquou, il 22enne sospettato di essere l’autista del furgone bianco che lo scorso giovedì ha travolto e ucciso 13 persone lungo la Rambla in pieno centro a Barcellona. L’attentato è stato rivendicato dall’Isis e dopo l’uccisione di parte della cellula nella notte stessa dell’attentato. 

A che punto sono le indagini dopo gli attentati sulla Rambla

Dalle indagini è emerso che l’attuale ricercato era probabilmente la persona alla guida del furgone e anch’egli apparteneva alla cellula di 12 persone che stava programmando un attentato ancora più devastante. E’ emerso infatti che gli attentatori stavano organizzando un’attacco con bombe alla Sagrada Familia, uno dei simboli della città Spagnola.

Durante le ricerche la polizia catalana ha ritrovato la moto di Younes Abouyaaquou e il mezzo è stato ritrovato proprio sotto casa di Moussa Oukabir, altro terrorista ucciso a Cambrils. Il mezzo era probabilmente parcheggiato lì da giovedì, giorno degli attacchi. Questo potrebbe anche confermare l’ipotesi per cui gli attentatori possano aver raggiunto Barcellona in momenti diversi  in modo da non destare sospetti. 

Fermato un sopravvissuto all’esplosione durante la preparazione degli ordigni

Contributo fondamentale alle indagini sta arrivando da da Mohamed Houli Chemlal, 21enne sopravvissuto all’esplosione nell’abitazione dove era in corso la preparazione degli ordigni per l’attentato alla Sagrada Familia. Grazie al contributo dell’arrestato la polizia è arrivata a concludere che la maggior parte del gruppetto dei dodici attentatori provenivano dal Marocco, nello specifico da Mrirt, e avevano fatto ritorno nel paese d’origine proprio nello scorso luglio. Le indagini però proseguono ininterrottamente e dagli spostamenti degli attentatori si vuole capire se la cellula era composta solo dalle 12 persone individuate fino ad ora. Tra queste 12 è compreso anche Abdel Baki Essati, uno dei morti nelle esplosioni, e sarebbe stato proprio lui a radicalizzare gli altri giovani attentatori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here