CONDIVIDI

Bambino e mal di pancia: cause e rimedi

Il mal di pancia è un disturbo molto comune, e colpisce indistintamente sia gli adulti che i bambini. Ma quando sono i piccoli a soffrire di questo disturbo, è facile farsi prendere dal panico. Le cause del mal di pancia sono molteplici, alcune di lieve entità, altre più gravi, per le quali è necessario l’intervento medico.

I bambini non sempre riescono a indicare con esattezza i sintomi che avvertono e il punto da cui si origina il dolore, per cui può non essere semplice individuare la causa del disturbo.

In ogni caso, la prima regola da seguire è quella di evitare di cadere nella trappola del “farmaco facile”: evitate di somministrare medicinali ai più piccoli senza aver sentito prima il parere del medico. Spesso, infatti, si rivelano sufficienti alcuni rimedi casalinghi come la camomilla e la borsa dell’acqua calda.

Gli esperti consigliano di prendere in considerazione alcuni dettagli per capire la gravità del mal di pancia.

  • Se il bambino si agita è un buon segno, vuol dire che il dolore non è molto forte. Se al contrario preferisce una posizione raccolta e manifesta maggiore dolore nel compiere qualche movimento, è opportuno chiamare il medico.
  • Durata: un comune mal di pancia non dovrebbe persistere per più di mezzora. In caso di malessere prolungato, meglio allertare il medico o portare il bimbo al pronto soccorso.

Dietro il mal di pancia potrebbe esserci l’appendicite. Per escludere questa eventualità, gli esperti consigliano di fare la prova del salto: se il balzo non incide sull’intensità del dolore, si può escludere la patologia.

Virus intestinali, intossicazione alimentare, eccesso di cibo spazzatura, sono altre possibili cause, sulle quali è necessario un consulto medico. Così come se sono presenti altri sintomi come diarrea, stipsi o vomito.

Anche stress e disagi emotivi possono essere alla base di questo disturbo, contro i quali può essere d’aiuto, in un primo momento, distrarre il bambino con un gioco, un libro o una storia. Successivamente, se il malessere dovesse continuare, si consiglia di rivolgersi al medico, in quanto potrebbe rivelarsi necessario un supporto psicologico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.