CONDIVIDI

Sei mamma di un bambino che ha 18 mesi o giù di li? Questo articolo potrebbe esserti molto utile. Quanto deve dormire? Perchè si comporta cosi?  Vediamo di chiarire alcuni aspetti di questa fase infantile.

Bambino sperimenta ciò che è intorno a lui

Partiamo dal presupposto che un bambino al di sotto dei tre anni non ha ancora la percezione del tempo; vive in il momento presente, mentre noi col pensiero andiamo di continuo a “prima” o a “dopo”. Inoltre è interessato a tutto, guarda in giro, si meraviglia di ogni cosa, si ferma osservare le minuzie mentre noi, spesso sorvoliamo diamo solo un’occhiata. Negli ambienti in cui viviamo e che sono a misura dell’adulto,  il bambino mette il naso dappertutto. Sale in piedi sulla sedia per vedere che cosa c’è sul tavolo di cucina e noi interveniamo preoccupati: “Attento , Scendi ti puoi fare male!” . Il bambino vuole partecipare a tutto per capire come sono fatte le cose  perchè egli non sa come funzionano  e deve toccare tutto.Loro vogliono assaggiare le cose e noi non capiamo il loro… Ha bisogno di sperimentare.

Teniamo che possono rompere qualcosa, sporcarsi o farsi soprattutto male. Quando parliamo tra Dustin vogliamo tranquillità e se il bambino vuole partecipare a modo suo a danza conversazione non troncarono interrompiamo irritati: “adesso tu stai zitto “.

Bambino ascolta ed osserva tutto

Il bambino rimane confuso e probabilmente rimane anche male. Davvero siamo molto diversi noi da lui ed  è un vero peccato quando tale diversità genera contrasti, pianti, lotte ,abitudini di posizione di collera da entrambi i fronti. Ciò che per noi importante non è necessariamente per loro: abbiamo esigenze ,paure ,reazioni ,interessi e sentimenti diversi proprio riflettendo su queste differenze dovremmo diventare tolleranti con un bambino piccolo.

Già a 18 mesi i bambini sono osservatori attenti:  Ascoltano ciò che diciamo quando il posteggio ci viene soffiato, quando parliamo al telefono con una nostra vecchia conoscenza, quando il piatto del miglior servizio da tavola si rompe e ci alteriamo. I nostri bambini ci guardano e ci imitano e imparano con l’ esempio. Se in questo primo anno di vita il figlio ha assorbito inmodo particolare l’aria di casa più tardi imparerà confrontarsi con altre persone con altri comportamenti. Attraverso le diverse esperienze cambierà la sua visione del mondo. È opportuno nella coppia parlare molto , discutere, specialmente quando le opinioni divergono. Il bambino imparerà via via a distinguere che i modi di pensare di agire non sono tutti uguali. Scoprirà che ognuno pensa con la propria testa e che quindi anche lui può farlo.

Bambino conosce provando, toccando e rischiando

A 18 mesi il bambino è avido di conoscere e lo fa sempre agendo. Per esempio: vorrei sapere cosa avete posato in mezzo al tavolo. Lui è interessatissimo, ma è troppo piccolo nessuno l’aiuta a vedere. Non rimane altro che afferrare l’angolo detto voglio tirarla. Il risultato non è certo piacevole per noi genitori perché cade tutto e ci sentiamo nervosi  però non perdete la calma, non sgridatelo ! La sua non era cattiva intenzione era solo curioso di sapere. Nei prossimi mesi questi episodi sono forse più frequenti. Prima di dire no, prima di arrabbiarci, dovremmo chiederci se il danno è veramente serio o meno meglio ancora se la tua arrabbiatura è proprio indispensabile! Ripetuti divieti frenano una naturale curiosità del bambino e lo danneggiano. Non è poi così grave se mette disordinebuttando sul pavimento i cuscini del divano,il bambino al quale troppo spesso è negata la possibilità di agire  risponderà a sua volta “no” ad ogni occasione oppure diventerà insicuro. La spinta a fare da sé è fortissima fin d’ora, per esempio egli desidera che si vestata da solo e metta da soloil berretto.

Bambino vuole essere autonomo

E ovvio che si farebbe più in fretta senza la sua collaborazione ma non toglietegli una grande gioia  ovvero quella di sentirsi capaci in piccole cose importanti per fine senza aiuto. Cerchiamo quindi le occasioni per lasciarlo provare e riprovare  (tranne nei casi in cui si mette in pericolo)

Il bambino di 18 mesi comincia ad andare dietro le cose e quindi può scappar via o perdersi. A seconda di dove abitate, queste iniziative possono rivelarsi più o meno pericolose. Il bambino dimostra grande simpatia per la signora che abita nell’appartamento vicino e va a farle visita ogni tanto: perché non se lo accetta con simpatia? Bisogna solamente stare molto attenti se si abita al pene al pianterreno di una casa di campagna, lungo una strada di traffico in una casa con scale scale ripide. L’indipendenza termina dove inizia il pericolo. Il bambino capirà meglio gli avvenimenti e divieti se gli applicherete con tranquillità e coerenza.

Deve poter accettare tranquillamente le sue esperienze anche se andrà a sbattere il naso contro qualcosa ; a questo punto non ditegli “vedi te l’avevo detto” o peggio” ti sta bene!” 

Il bambino va rassicurato sempre

Piuttosto consolalotelo o  incoraggiatolo a  riententare ma  con maggiore prudenza. Alcuni di divieti invece devono essere costanti e continui soprattutto quelli nei quali il bambino si può mettere in pericolo. Accade sempre che i genitori, subito dopo la nascita, cercano le somiglianze del neonato e  con loro o con i nonni e spesso i genitori tentano di me Lare precocemente i talenti dell’oro bambino e chi diventerà in futuro. Sgambetta e si muove volentieri è prematuro pensare che sarà il grande calciatore di domani.

Non è pure certo che diventerà un grande  filosofo, anche se ora si dimostra riflessivo e resta a lungo da solo, con i suoi mattoncini in tutta tranquillità. Non dovremmo mai indirizzare fin d’ora il nostro figlio  verso un particolare direzione perchè, stimolando la capacità più di altri a questa età,  si rischia di limitare l’armoniosa evoluzione globale e di soffocare sul nascere aspetti originali della persona. Le attitudini primo poi escono fuori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.