CONDIVIDI

Siamo genitori troppi apprensivi? La risposta è sì e purtroppo ne paghiamo le conseguenze. Quello che preme maggiormente noi mamme e’ proteggere i nostri cuccioli da qualsiasi pericolo; se ha la tosse subito compriamo lo sciroppo, se lo sentiamo caldo allora è meglio che rimanga a casa, magari davanti alla tv con un buon pacchetto di patatine. Ecco, questi sono gli errori più comuni che noi genitori facciamo.

Secondo la pediatra Laura Reali , che esercita a Roma ed è membro del gruppo Pediatri dell’associalzione culturale pediatri,  il bambino non dovrebe stare tutto il tempo a casa, ma è necessario che giochi con i suoi coetanei all’aria aperta. 

Per genitori anni 80 , questa affermazione non sembra così ostica dato che spesso si giocava nel cortile o per strada con altri bambini. Non mancavano ginocchia spucciate ed il mercurio cromo che la mamma aveva pronto, e non mancavano i vestiti e le scarpe sporche di fango. Secondo i pediatri, si dovrebbe ritornare a questo.

Perchè i bambini devono giocare all’aria aperta

I bambini hanno necessità di giocare all’aperto innanzitutto per una questione di salute; giocare all’aria aperta rafforza il sistema immunitario, aiuta l’umore ed evita stati depressivi seppure latenti. Giocare a pallone in cortile non fa accululare lo stress, cosa che invece succede se il bambino sta parecchio tempo a giocare alla play station.

Sviluppa una vista maggiore. Si, la luce del sole aiuta lo sviluppo visivo e poi la presenza di vitamina D sulla pelle è fondamentale per rafforza.re il calcio nelle ossa

Sviluppa la sua personalità. Il bambino che gioca all’aperto , magari con i suoi vicini di casa, inizia a sviluppare le relazioni con gli altri, a capirne i tempi e gli spazi e fare sue le esperienze sociali (capisce se ha offeso qualcuno, se un suo comportamento è sbagliato )

Bambini anni ’80 differenza con i bambini di oggi

I bambini che sono cresciuti negli anni ’80 hanno avuto esperienze molto diverse rispetto ai bambini di oggi; non c’era la playstation, si giocava sempre all’aria aperta e si vedeva poca televisione. Negli anni ’80 i giochi tipici all’aria aperta erano: palla prigioniera, caccia al testoro e strega comanda colore.

Strega comanda colore: La “strega” era il giocatore che “stava sotto”, ovvero che dirige il gioco e ha l’obiettivo di catturare gli avversari.La partita inizia con la strega che pronuncia la frase strega comanda color… seguita dal nome di un colore . A quel punto, gli altri giocatori dovervano cercare un oggetto del colore indicato e mettersi in salvo toccandolo. Compito della strega è catturare uno degli altri giocatori toccandolo prima che si fosse messo in salvo. 

Oggi questi giochi sono praticamente scomparsi e si preferisce giocare a casa con giochi elettronici. Secondo alcuni psicologi infantili, però,la generazione odierna si starebbe incanalando verso un mondo asociale e poco emotivo. Sarebbe assolutamente necessario che nostro figlio avesse spessoun rapporto con gli altri coetanei perchè , in questo modo, aumenta l’empatia e percepisce  emozioni che difficilmente possono provare stando davanti da un pc.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.