CONDIVIDI

A ogni uomo la sua macchina

Non mangiare, non bere, non fumare, pulisci bene le scarpe prima di entrare, niente animali, fai attenzione all’ombrello bagnato: sono i divieti all’ingresso di un museo? No, i classici avvisi dell’uomo innamorato della sua macchina!

Tra voi ci sarà sicuramente qualche donna che almeno una volta nella vita ha esclamato “Sembra tenere più alla sua macchina che a me!”. Si sa, l’universo maschile è irrimediabilmente attratto da quello automobilistico e noi, povere donzelle, non possiamo farci niente, se non metterci l’anima in pace!

Ma così come le donne, anche le macchine non sono tutte uguali. Ci sono quelle che i maschi evitano perché etichettate come “da femminucce” e quelle che, almeno secondo il loro punto di vista, mettono in risalto la virilità.

Un recente studio condotto da SuperMoney ha rivelato quali sono le automobili più amate dagli uomini italiani. La preferenza cambia a seconda della categoria di appartenenza: c’è il manager, il medico, l’uomo di legge, il prete, il neopatentato, il disoccupato, il pensionato e il carabiniere.

I “macchinoni” sono la scelta prediletta dai manager, gli uomini di legge e i medici. Entrando più nel dettaglio, i manager e gli uomini di legge preferiscono la Mercedes, un’auto che abbina eleganza e potenza; i medici, invece, prediligono il BMW.

La Fiat Punto è l’auto tipica del disoccupato, che in media spende 510 euro all’anno per assicurarla. Il made in Italy va forte anche tra gli uomini di chiesa: la Panda è quella che riscuote maggiore successo.

Il pensionato sopra i 65 anni guida perlopiù la Ford Fiesta. Ford anche per il carabiniere, che tende però a indirizzarsi verso la Focus, un modello più dinamico.

Sicurezza e facilità nella guida sono le caratteristiche fondamentali della macchina del neopatentato: la Renault Clio rappresenta la scelta più gettonata.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.