CONDIVIDI

Asma Bronchiale cos’è 

L’asma bronchiale è una patologia caratterizzata da un’infiammazione della parete dei bronchi. Si tratta di una malattia molto diffusa, ne soffrono circa 10-15 bambini su 100.

È stato dimostrato che esistono dei fattori genetici che predispongono all’asma. In molti casi di bambini amatici è stato riscontrata la presenza in famiglia di un genitore o un fratello con la stessa patologia. A parte la predisposizione genetica, esistono anche altre cause. Le infezioni delle vie respiratorie (per lo più quelle virali): rappresentano la causa principale di asma nei primi anni di vita. Gli attacchi tendono infatti a concentrarsi in autunno e in inverno, cioè quando questo tipo di infezioni sono più diffuse. Fattori ambientali: domestici, come polvere in casa, fumo di sigaretta, pelo di cane e gatto, muffa, ed esterni, come pollini, aria fredda o secca, inquinamento. Reazioni allergiche, soprattutto quelle legate a sostanze inalate nell’ambiente domestico (polvere, pelo di animali) o nell’ambiente esterno (i pollini di graminacee, parietaria, olivo). Anche l’attività fisica può essere una causa. Sono invece più rari i casi di asma scatenata da alimenti, farmaci e additivi alimentari.

Asma Bronchiale Sintomi

Quelli classici sono: tosse ricorrente, sibili, difficoltà respiratorie, rientramenti intercostali. In alcuni casi, però, la sintomatologia è più marcata e si presenta con difficoltà di parola e a rimanere nella posizione sdraiata. In altri, invece, è più sfumata: i bambini accusano una tosse ricorrente e concentrata per lo più nelle ore notturne, oppure con episodi frequenti durante il gioco o la corsa.

 

Diagnosi e cure

L’asma bronchiale può essere diagnosticata attraverso la storia clinica del paziente, un esame obbiettivo, mediante test allergometrici e altri legati alla funzionalità respiratoria e una radiografia del torace.

La terapia varia a seconda dei casi. Può avvenire attraverso l’assunzione di specifici farmaci, mediante il controllo dei fattori ambientali e, in casi rari e selezionati, con l’immunoterapia.

Controlli per gli asmatici

È molto importante che la cura per l’asma bronchiale sia collegata a un costante monitoraggio della situazione. I bambini asmatici devono quindi recarsi dal pediatra di famiglia per dei controlli periodici. Nei casi moderati o gravi, quelli cioè che necessitano di periodiche rivalutazioni del quadro terapeutico e di controlli strumentali, sono fondamentali visite periodiche presso Centri di Cura per l’asma bronchiale.

 

le allergie!

Disturbi che un tempo erano piuttosto rari, poi pare che le cause della loro diffusione nella civiltà moderna, sia legata ad un uso eccessivo di antibiotici, per l’inquinamento, per l’alimentazione poco genuina e troppo sofisticata.
Potrà sembrare scontato, ma sarebbe bene ritornare ad abitudini alimentari semplici, evitando cibi industriali, così si guarirebbe da una miriade di patologie.

  • L’acqua fredda è adatta per il sangue dal naso e il raffreddore da fieno: per fermare un’emorragia nasale, bagnate 3 panni con acqua fredda e appoggiateli sul naso, fronte, e nuca, in posizione sdraiata. Ottima anche per curare il raffreddore da fieno, rivolgete il getto freddo della doccia sul naso per 5-10 secondi e ripetete l’operazione 2 volte al giorno.
  • Il caffè forte per le allergie da polline: in caso di allergia, bevete al mattino e a pranzo un buon caffè forte, che riduce la sensibilità delle mucose nasali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.