CONDIVIDI

Allattare al seno almeno per i primi sei mesi è necessario

Le evidenze (non soltanto in campo oncologico) mostrano che il migliore alimento per i neonati fino a sei mesi è il latte materno.

L’allattamento al seno esclusivo fino a sei mesi può essere protettivo tanto per la madre quanto per il bambino.
Per la donna, l’allattamento al seno protegge dall’insorgenza del tumore del seno a tutte le età.
Sono presenti, anche se limitate, evidenze che l’allattamento al seno protegga dall’insorgenza del tumore ovarico.

Per i neonati ci sono probabili evidenze che l’allattamento per almeno 6 mesi sia in grado di prevenire il sovrappeso e l’obesità e le patologie correlate.

Esiste una serie di effetti benefici legati all’allattamento al seno come la protezione da infezioni durante l’#infanzia e lo sviluppo del sistema immunitario del bambino.
Il latte materno contiene i nutrienti necessari per lo sviluppo del bambino nei primi sei mesi di vita.

È consigliabile non fornire alcun tipo di alimento solido ai bambini al di sotto dei quattro mesi poiché non in grado di digerirli: questa è una regola generale che non esclude casi di uno svezzamento anticipato necessario, è sempre bene rivolgersi a un professionista della salute per un consulto personalizzato. Dai sei mesi in poi i bambini dovrebbero essere pronti a consumare cibi solidi, il sistema immunitario e quello digestivo sono forti e sviluppati.

Per quanto riguarda il latte, l’ideale sarebbe variarne le fonti (riso, soia, avena) ed evitare il latte di vacca fino a un anno di età, a causa del suo elevato apporto proteico. Esistono latti formulati per il periodo successivo all’allattamento.

Ecco la nona delle 10 utili raccomandazioni in tema di nutrizione tratte dal World Cancer Research Fund (WCRF UK) assieme a Smart Food Istituto Europeo di Oncologia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here