CONDIVIDI

L’alcol ci aiuterebbe a parlare fluentemente lingue straniere ed a sostenerlo è proprio una ricerca scientifica. Stiamo parlando di una ricerca pubblicata sul Journal of Psychopharmacology dovedei ricercatori hanno effettuato uno studio su una cerchia ristretta di 50 persone per osservare gli effetti dell’alcol sul cervello.

Ricerca scientifica sull’alcol

L’esperimento ha coinvolto 50 studenti tedeschi che erano iscritti all’Università di Maastricht e che avevano frequentato un corso di olandese. I ricercatori hanno poi diviso il gruppo, somministrando ad alcuni acqua e ad altri alcol. Dopo qualche minuto, Tutti gli studenti oggetto d’esame hanno dovuto colloquiare con una persona di lingua madre olandese.
Le conversazioni erano registrate per essere analizzate linguisticamente con il risultato che i nativi olandesi hanno trovato migliore la conversazione degli studenti che avevano bevuto alcol  (il migliore è in termini di  pronuncia) mentre il vocabolario, la grammatica e i contenuti sono stati giudicati simili tra i due gruppi.

L’alcol disinibisce e ci aiuta a parlare fluentemente

Lo studio in relatà ha rivelato quello che era già stato sperimentato nel 1972 nell’anno incui un’altra ricerca aveva in parte confermato gli effetti di questa sostanza su di noi, rivelando come l’alcool ha l’efficacia di liberarci da pregiudizi e ansie. Ovviamente gli effetti negativi dell’alcol sul nostro cervello e sul nostro corpo sono ben evidenti e , sebbene lo studio dia merito all’alcol per l’aspetto fluente della lingua, ricordiamo che l’abuso dellp stesso porta a danni seri.

Danni dell’alcol

Come appena accennato, i danni derivanti dall’alcol sono seri e frequenti. Quando l’organismo non è abituato all’assunzione di alcol succede che il sistema nervoso ne risenta , perdendo così la capacità di coordinare i movimenti e l’equilibrio. Le conseguenze riguardano le cadute . Non tutti sanno poi che l’alcol genera depressione e perdita di calore da parte dell’organismo. Genera confusione, irritabilità, agitazione, sonno, nausea, vomito e cefalea.

In alcuni soggetti causa shock cardiovascolare, la respirazione si ferma e si muore.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.