CONDIVIDI

Alberto Angela, cenni biografici

Alberto Angela è nato a Parigi l’8 aprile 1962, e come tutti sappiamo è figlio del noto divulgatore scientifico Piero Angela. Alberto fin da piccolo accompagna il padre nei suoi viaggi per il mondo, e dopo aver conseguito il diploma in Francia, decide di iscriversi alla corso di scienze naturali all’università La Sapienza di Roma. Consegue quindi una laurea con un ottimo 100 e lode ed un premio per la tesi che fu pubblicata in seguito.

Alberto dopo la laurea decide di continuare i suoi studi, e frequenta così numerosi corsi di specializzazione in Università degli Stati Uniti D’America come la Columbia University o Harvard. Qui approfondisce materie come la paleontologia e la paleoantropologia.

Carriera e attività di ricerca

Alberto Angela, per più di un decennio si è dedicato ad attività di scavo e di ricerca sul campo. Ha partecipato infatti a spedizioni al livello internazionale e alla ricerca di resti fossili appartenenti a uomini del passato. Angela è stato nello Zaire che oggi è la Repubblica Dominicana del Congo. Ha lavorato inoltre anche in Etiopia ed in Mongolia nel deserto del Gobi; dove ricercava resti di dinosauri e mammiferi di un’epoca lontana.

Nel 1986 Alberto partecipò anche alla spedizione ed allo scavo nella Gola di Olduvai, che portò poi alla luce dei resti fossili di un ominide vissuto 1,8 milioni di anni fa. Si tratta di una forma molto antica del genere conosciuto come Homo. L’ominide avrebbe avuto un’anatomia che suggeriva l’abitudine che esso ancora aveva di salire sugli alberi.

Nel 1991, invece Angela partecipò in Etiopia ad una spedizione per cercare tracce di fossili di uomini preistorici. Ma in quel frangente, il gruppo di ricercatori di cui faceva parte Alberto cadde in un’imboscata tesa da alcune tribù bellicose del luogo. Ci fu anche una sparatoria dalla quale fortunatamente Angela uscì illeso.

L’attività di divulgazione scientifica e la televisione

All’attività di studioso, Alberto Angela comincia ad affiancare anche quella di divulgatore scientifico; che poi diventa la professione più nota. Alberto si serve del mezzo televisivo per condividere con il vasto pubblico i misteri ed i segreti della scienza.

In questo campo realizza molteplici riprese e servizi in tutti i continenti; sia su siti archeologici che paleontologi e in centri di ricerca. Angela crea anche degli interessanti servizi su etnie e culture ormai in via di estinzione, come per esempio i Wairuru, Hmong, Dao Rossi Hazda, e moltre altre.

Gli esordi

In questo ambito è evidente come Alberto abbia seguito appieno le orme di suo padre. Ma quali sono stati i suoi esordi? Angela ha debuttato Televisione Svizzera Italiana; non è passato infatti inosservato il suo meraviglioso modo di comunicare grazie ad un’intervista che lui stesso rilasciò.

E così ne 1990 proprio per questa emittente Alberto Angela ha ideato, scritto e condotto una trasmissione intitolata Albatros. Il programma è poi stato riproposto anche in Italia da Telemontecarlo; ed è così che Alberto angela ha esordito anche nel nostro paese.

Alberto Angela autore

Ma nel campo dei programmi televisivi, Angela debuttò tutta via l’anno precedente in veste di autore. Nel 1989 partecipò infatti, alla realizzazione di alcuni documentari per la Rai. Successivamente ha ideato e scritto in collaborazione col padre Il pianeta dei dinosauri, che fu trasmesso poi da Rai uno nel 1993.

Alberto Angela è anche uno degli autori del famosissimo programma Rai Superquark; ma è anche autore di altri programmi Rai come Quark speciale e Viaggio nel Cosmo. Nel 1997 Alberto Angela assieme alla troupe di Superquark, è stato il primo sia ad entrare che a realizzare un servizio televisivo nella più grande tomba egizia mai scavata; quella voluta da Ramses per i suoi figli.

Angela è anche l’autore della trasmissione Passaggio a Nord Ovest che viene trasmessa da Rai 1. Nel 1998 poi, fu il commentatore sul campo della versione italiana della serie di documentari intitolati Big Cat Diary. Questi documentari, erano tutti dedicati ai felini africani.

Assieme al padre Piero, Alberto è poi Ulisse – Il piacere della scoperta, programma che va in onda ormai dal 2000 su Rai 3. La prima edizione di questa trasmissione, vinse tra l’altro anche il Premio Flaiano per la televisione.

Nel 2002 mentre si trovava nel deserto del Sahara, proprio per girare un documentario per Ulisse, divenne vittima di un sequestro assieme a tutta la troupe televisiva da parte di alcuni ribelli. La terribile esperienza fortunatamente si concluse con la loro liberazione.

Alberto Angela è poi curatore e conduttore della serie di documentari Stanotte a… che va in onda su Rai 1 dal 2015. Alberto Angela è stato anche oggetto dell’imitazione del bravissimo attore e comico Neri Marcorè, all’interno della sua trasmissione L’ottavo nano.

Nel 2018 ha realizzato sempre per rai uno il programma Meraviglie.

Alberto Angela scrittore

Alberto è anche un giornalista ed un pubblicista, ed ha collaborato con diversi periodici tra i quali troviamo: La Stampa, Airone, Epoca e La Voce. Nel 1988 ha anche pubblicato un saggio riguardante le nuove tecniche d’interattività nei musei scientifici, dal titolo Musei (e mostre) a misura d’uomo. Come comunicare attraverso gli oggetti.

Assieme a suo padre ha poi scritto vari libri di divulgazione scientifica. Tra questi ricordiamo: La straordinaria storia dell’uomo, La straordinaria storia della vita sulla Terra, e Il pianeta dei dinosauri. Nel 2015 esce un altro libro dal titolo San Pietro, che parla appunto della famosa Basilica.

L’anno successivo esce invece Gli occhi della Gioconda Il genio di Leonardo raccontato da Monna LisaQui Alberto Angela racconta la vita di Leonardo e delle sue opere più famose. 

Vita privata

Alberto Angela è sposato e ha tre figli: Riccardo, Edoardo e Alessandro. 

 

 

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.